INTERVENTO IN PROGETTO - Planimetria
INTERVENTO IN PROGETTO - Planimetria
Committente
Anas s.p.A.
Tipo di prestazione
Progettazione preliminare
Esecutori
UNING s.r.l.; con altri professionisti
Ruolo professionale
Supporto alla progettazione
Importo complessivo dei lavori
€ 174.100.000,00
Classi di lavori
V.02

L’intervento in variante ha previsto la realizzazione di una infrastruttura di categoria B (D.M. 05/11/2001) a 3 corsie per senso di marcia che parte dall’attuale S.S. 16 alla progressiva km 805+000 ca., nei pressi di Bari (svincolo attuale con la S.S. 100), e prosegue fino a ricollegarsi, sempre alla S.S. 16, alla progressiva km 822+000 circa, nei pressi dello svincolo attuale con la provinciale Mola-Rutigliano, sulla variante di Mola. Dell’intervento ne beneficia soprattutto il territorio della bassa Murgia e della fascia costiera in quanto la viabilità fa da collettore dei flussi provenienti dalla viabilità trasversale afferente alla costa e che ora si riversa sull’attuale S.S.16. Per tutta la sua estensione di 18 km, la nuova infrastruttura presenta un tracciato con 3 corsie per senso di marcia e 3 nuovi svincoli di raccordo con Strada Santa Teresa (quindi con via Caldarola e il Quartiere Japigia di Bari) e le provinciali Triggiano-Torre a Mare (San Giorgio) e Noicattaro-Torre a Mare. E’ stata infine prevista la sistemazione dello svincolo di innesto nella variante di Mola e di raccordo fra il nuovo tracciato e la provinciale Rutigliano – Mola di Bari. Mentre, le opere d’arte maggiori previste consistono essenzialmente in 3 viadotti di cui uno urbano situato in zona «Aeronautica» e 2 di scavalcamento rispettivamente delle lame «San Giorgio» e «Giotta».

L’andamento altimetrico del tracciato principale risulta sostanzialmente aderente al terreno e pertanto caratterizzato da rilevati bassi o di media altezza (da 2 m a 5 m ca.), con modeste pendenze longitudinali ed ampi raccordi verticali. L’andamento planimetrico risulta caratterizzato da una successione di elementi geometrici di flesso raccordanti curve di raggio 1700 m e 1800 m e da rettifili non eccessivamente lunghi; fa eccezione il tratto iniziale di circa 2 km dove l’asse stradale si distacca dalla S.S.16, costituito da un flesso planimetrico raccordante due curve di raggio 678 m e 860 m. Per quanto riguarda la sezione della sede stradale, si è adottata la sezione tipo B del D.M. 05/11/2001, nella configurazione a tre corsie per senso di marcia (corsie da 3,75 m), margine interno da 3,50 m e banchine laterali di 3 m per una larghezza totale della piattaforma di 32 m. La velocità di progetto della strada è compresa nell’intervallo 70 – 120 km/h. 

Altri progetti

IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE DI CONZA

PROPOSTA PER LA CONCESSIONE DELLA COSTRUZIONE E DELLA GESTIONE, Acquedotto dell’Ofanto, 1996 e 2003

IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE DEL FORTORE

OPERE NECESSARIE PER L’ADEGUAMENTO ALLE NORME DI CUI AL D. LGS 31/2001, 2003 e 2005